Medication to Manage Chest Pain (Angina)

Articolo del Dott. Claudio Sauro pubblicato su Facebook

L’angina generalmente è causata da uno spasmo coronarico, ma può essere dovuta anche se raramente ad ipoglicemia o ad un aumento delle necessità metaboliche. Molto spesso è presente una parziale o quasi completa ostruzione (70-80%) di una coronaria da parte di una placca ateromasica. Ci possono però essere delle angine senza placca, come l’angina di Prizmetal, causata solo da spasmo e che si verifica soprattutto durante il riposo. Molto spesso questa è causata da una carenza di Magnesio, e di conseguenza di una carenza di Vit D ( che fa entrare il Magnesio nella cellula) .Poichè il cuore utilizza come principale fonte energetica gli acidi grassi (trigliceridi), e questi a loro volta vengono utilizzati se è presente Magnesio, ne consegue che per una corretta funzione cardiaca i Trigliceridi devono essere superiori a 200 mg/dl (fra 200 e 300) sempre in presenza di Magnesio endocellulare. Viene pertanto sfatata l’opinione che i Trigliceridi debbano essere mantenuti sotto i 170 mg/dl, dal momento che questi, fino al valore di 300 non sono fonte di aterosclerosi, ma questo la medicina non lo dice. E’ importante anche che il flusso ematico sia vivace e questo si può ottenere riduceno l’aggregabilità piastrinica con acido acetilsalicilico (Aspirinetta 100 mg) ed Acido Nicotinico (Niacin 100 mg die). Anche lo Zenzero e la Curcuma hanno un azione antiaggregante piastrinica. Lo Zenzero per una sostanza che contiene, lo Zenzerone e la Curcuma per la Curcumina. Anche un supplemento polivitaminico e poliminerale pare possa essere utile, dal momento che la carenza di certi oligolelementi pare possa essere importante nel causare lo spasmo (Zinco, Rame, Manganese, Molibdeno ecc), come la carenza di certe vitamine (es la B1). Pare siano importanti anche Carnitina, e Pantetina (Acido Pantotenico) Tutti gli antiossidanti (anti radicali liberi) sono utili, talvolta determinanti. Molte angine infatti possono essere scatenate da un eccesso di radicali liberi nel circolo sanguigno: questi hanno un elettrone spaiato e determinano un eccessiva irritazione a livello coronarico che determina lo spasmo. Pertanto è importante prima di tutto attivare gli antiossidanti endogeni(Glutatione Perossidasi) tramite il Selenio, almeno 100 mcg/die (Selenium ACE Extra cp anche due cp al giorno). Inoltre sono importanti la Vit C (1-5 gr/die) e la Vit E (100-300 mg/die) Anche i fattori emotivi sono importanti purchè siano presenti anche i fattori organici. Si usi una dieta anche ricca di Potassio, perché pare che anche la carenza di questo possa avere un ruolo cruciale nelle forme anginose. Si tenga presente che perché entri Potassio nella cellula serve il Magnesio.
Pertanto in ordine di importanza, per prevenire le forme anginose servono:
• Magnesio Citrato (il meglio assorbito) 1 gr/die
• Vit D che sia almeno sopra i 60 ng/ml (per permettere al Magnesio di entrare nella cellula.
• Acido Acetilsalicilico 100 mg/die (Cardioaspirin o Aspirinetta)
• Acido Nicotinico( Niacin 100 mg cp 1/die)
• Antiossidanti, soprattutto Selenio (100 mcg/die)Vit C (1-5 gr/die), Vit E (100-300 mg/die)
• Alimentazione ricca di Potassio (frutta e verdura)
P.S
VOLEVO FARE UNA PRECISAZIONE SU TRIGLICERIDI E SUL COLESTEROLO
I Trigliceridi non sono altro che gli Acidi Grassi che non ingeriamo. A livello del fegato, tre molecole di ACIDI GRASSI si uniscono ad una molecola di glicerolo. Le loro catene possono essere più o meno lunghe e insature a seconda del grasso che viene ingerito. Chiaramente è ben diverso se ingerite OLIO DI OLIVA o BURRO, dal momento che l’OLIO DI OLIVA (soprattutto quello EXTRA VERGINE) ha un potere anti ateromasico, mentre il BURRO (o peggio il LARDO) ha potere ateromasico. Per entrare in circolo però i TRIGLICERIDI, essendo liposolubili, devono essere trasportati dai CHILOMICRONI che sono delle piccolissime sfere che contengono molte molecole di TRIGLICERIDI e sono protetti da una membrana proteica. Intendo dire che i CHILOMICRONI sono come delle piccolissime cellule che hanno una membrana proteica. Ora, quello che è significativo, e non viene mai detto, è che i CHILOMICRONI non vanno mai a fondersi con la placca ateromasica, qualunque siano gli ACIDI GRASSI che contengono. Essi possono aumentare la densità del sangue ma solo se superano valori alti, intorno ai 300 mg/dl. Solo nelle IPERTRIGLICERIDEMIE FAMILIARI superano questo valore e possono arrivare anche ad 800 o a 1000 mg/dl nel qual caso diventano veramente pericolosi. Generalmente invece essi sono una importantissima riserva energetica e questo soprattutto per il sistema muscolare e per il cuore. Un cuore sotto sforzo, aumenta la sua frequenza e necessita di molti più trigliceridi per soddisfare il suo bisogno di energia. Il colesterolo al contrario anche se si dice che appartiene alla classe dei lipidi in realtà non è un grasso ma un pre-ormone costituito da quattro anelli rigidi (i grassi al contrario sono delle catene lineari di atomi di carbonio ed idrogeno) ed è il precursore di tutti gli ormoni steroidei (ESTRADIOLO, TESTOSTERONE, PROGESTERONE, CORTISOLO, ALDOSTERONE), precursore anche della Vit D3 ed acidi biliari, non solo, ma è estremamente importante perché è un costituente insostituibile delle membrane cellulari animali, che è contenuto in parte nelle LIPOPROTEINE PLASMATICHE (colesterolo HDL) ed in parte non legato alle lipoproteine (colesterolo LDL). Il colesterolo HDL è detto anche colesterolo buono perché non forma l’ATEROMA, mentre il colesterolo LDL è detto colesterolo cattivo perché può formare l’ateroma. Però attenzione, sul colesterolo è stato costruito un castello in aria, si è passati da un normale 240 mg/dl, ad un normale 200 mg/dl, ad un normale 160 mg/dl. Questo perché si suppone che sia il responsabile della placca ateromasica, in realtà è il quarto fattore che può entrare nella placca ateromasica. Perché si formi un ateroma prima di tutto deve esserci un DANNO DEL ENDOTELIO ARTERIOSO che generalmente è dovuto ad un eccesso di RADICALI LIBERI (molecole estremamente reattive perché hanno un elettrone spaiato). Una volta che si è formato un danno dell’endotelio, su questo aderiscono le piastrine che formano uno strato più o meno spesso. In questo strato si infiltrano i TRIGLICERIDI e successivamente può intervenire il COLESTEROLO, ed anche questo può formare uno strato più o meno spesso. Perchè si formi la PLACCA quindi necessitano– danno dell’endotelio arterioso- piastrine– trigliceridi- colesterolo. Ma il colesterolo data la sua importanza non bisogna mai abbassarlo sotto i 200 mg/dl, è precursore di tutti gli ormoni e della Vit D , ma soprattutto è un COSTITUENTE FONDAMENTALE DELLE MEMBRANE CELLULARI, non solo ma anche delle membrane degli ORGANULI INTERNI ENDOCELLULARI come i mitocondri che presiedono tutta la catena dell’ossigeno, oltre ad entrare in altre strutture cellulari estremamente importani. Perché svolga correttamente tutte queste funzioni necessita che nel sangue il suo livello sia di almeno 200 mg/dl, abbassalo oltre è semplicemente una follia. Il fatto che si sia imposta nella cultura medica che “più si abbassa il colesterolo meno si formano placche ateromasiche” è completamente errata e giustifica semplicemente la vendita di farmaci che lo abbassano e che hanno un mercato enorme. Che sono precursore delle placche ateroma pertanto sono altri fattori, come abbiamo detto i RADICALI LIBERI e l’OMOCISTEINA ( che si comporta come un radicale libero), e pertanto sono questi che devono essere abbassati attraverso le catene enzimatiche endocellulari (glutatione perosidasi-selenio), perossido dismutasi (rame e zinco) ed inoltre un infinità di fattori esogeni che hanno un azione anti radicali liberi.”
Share

10 anni di ricerche di terapie alternative per il cuore condensate in un libro di 225 pagine

Su Amazon


Questo si chiuderà in 20 secondi