Caro diario,
Riprendo a vergare le tue pagine dopo tanto tempo.
.
È così terapeutica la #ScritturaRiparativa 😃
Mi è mancato solcare queste pagine e sentire che posso affidarTI pensieri riflessioni e dubbi … ed esternazioni “pesanti” che altrimenti potrebbero essere fraintese.
.
Incontrare tante persone in diverse città d’Italia – da Palermo a Torino – mi mette in contatto con realtà locali che hanno molto in comune.
Mette in evidenza la #CRISI del rapporto medico-paziente e deve fare riflettere sugli “amati protocolli” del (defunto) sistema sanitario nazionale.
.
Frutto di vecchi studi e di vecchie modalità prescrittive; tanto “preistoriche” quanto chi le applica con la stessa dedizione certosina del #burocrate piuttosto che con la prudenza che DOVREBBE (condizionale d’obbligo) avere un Figlio di #Ippocrate
.
Principio di prudenza, tra l’altro, paradossalMente “sanzionato” dagli #Ordini, negli ultimi due anni e mezzo 😕
.
Il protocollo resta, ed è applicato uguale uguale a tutti, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalle quintalate di farmaci in terapia.
Tanto siamo tutti uguali, no?
Uno vale uno, no?
.
Ed è poi accompagnato da frasi come:
– “è un farmaco sicuro” (come se non si sapesse che DI SICURO negli USA l’errore iatrogeno è la terza causa di morte – LINK 1)
– devi assumerlo “a vita” (cioè fino alla morte, quasi fosse una maledizione… )
.
Un esempio.
In Italia a chi ha subito un attacco cardiaco o un ictus viene di regola prescritto acido Acetil-Salicilico (aspirinetta o cardioaspirina).
E’ difficile che esista un protocollo di prevenzione delle trombosi/ictus/infarti che non abbia un “anti-aggregante piastrinico”.
(Insieme a #statine, come se piovesse!)
.
Questa classe di farmaci inibisce le piastrine, rende il sangue più fluido, riducendo (senza azzerarla però) la possibilità di un altro attacco cardiaco/ictus.
L’effetto collaterale, #iatrogeno, NOTO E PREVEDIBILE è l’allungamento del tempo di sanguinamento, in pratica un aumento del rischio di emorragie.
.
Per questo motivo ANCHE TROPPO SPESSO nel protocollo con la #aspirinetta viene prescritto un #CASTROPROTETTORE.
A TUTTI.
Anche a chi non ne ha bisogno…
.
La spiegazione medica?
Riducendo l’acido nello stomaco corri meno rischi di emorragie gastroduodenali, visto che la aspirinetta riduce la capacità di riparare quelle emorragie.
.
Peccato che la terapia con i soli “anticoagulanti” e’ considerata NON LESIVA sulla mucosa gastroduodenale, e quindi NON NECESSITA terapia con IPP (inibitori di pompa protonica o castroprotettorI) … tranne in casi specifici.
Quindi per la maggior parte dei pazienti basta prenderla a stomaco pieno.
.
Lo dice il Dott. Prinzi?
No no…
Lo dicono LE LINEE GUIDA NAZIONALI realizzate da #AIGO (Associazione Italiana Gastroenterologi Ospedalieri) e #FIMMG (Federazione italiana medici di medicina generale) in una relazione a firma congiunta del 2016 (LINK 2, 3, 4)
Con la benedizione di #AIFA .
Oltre 6 anni fa.
.
Tu ne sapevi nulla?
.
Nell’ambito della medicina legata ai “protocolli uguali per tutti” alcuni hanno persino acquisito l’abitudine (per non sbagliare) di prescrivere A TUTTI I PAZIENTI ENTRAMBE LE PILLOLINE.
Insieme alla statina – UNA e SANTA – perchè tanto non fa male… no?
E’ un farmaco sicuro …
Da prendere a vita …
.
Ma chi dovrebbe veramente valutare se assumere un castroprotettore?
Solo pazienti che presentano ≥ 1 fra i seguenti fattori di rischio: età >65 anni, pregresse ulcere gastroduodenali o uso concomitante di steroidi e/o un altro farmaco anticoagulante.
.
Però, caro diario, un Castroprotettore INUTILE – o prescritto in maniera INAPPROPRIATA (a membro cinofilo!) – fa parecchi DANNI SISTEMICI.
.
Quali?
A) Spegne l’acido dello e allunga i tempi di digestione delle proteine;
.
B) Spegnendo l’acido dello stomaco GENERA una #DISBIOSI chiamata #SIBO – squilibrio dei #batteri dell’intestino in senso #fermentante (pancia sempre gonfia, hai presente?);
.
C) … per non dire che i #tumori del #colon di destra sono connessi alla presenza di batteri tipici della placca dentaria (come il #fusobacterium nucleatum) … e come ci arrivano al colon batteri della placca dentale sino li ? Non dovrebbero essere uccisi dall’acido dellos tomaco?
.
D) E quando vi è una disbiosi, è possibile che manchino i batteri coinvolti nella trasformazione dell’aspirina in farmaco attivo (quindi l’aspirina funziona meno) oppure mancano quelli che metabolizzano l’aspirina in eccesso (quindi l’effetto anticoagulante è eccessivo);
.
E) il castroprotettore non fa assorbire calcio, magnesio, zinco, ferro … e quando si tratta di pazienti anziani in politerapia CON LA STATINA (Santa e Una) il rischio di dolori articolari e muscolari e difficoltà a camminare è alto.
.
Con rischio che cadano e si fratturino.
.
Considerando che la MORTALITA’ (in Italia) ad un anno dopo frattura del femore è del 30%, credo che TUTTI dobbiamo adottare SEMPRE un profilo basato sulla PRUDENZA, piuttosto che sulla superficialità (o IGNORANZA?) che guida l’applicazione pedissequa del “protocollo uguale per tutti”.
.
Vi è conferma che UNA MAREA DI FARMACI (da quelli della pressione a quelli dell’ansia o della depressione) causano disbiosi e antibiotico-resistenza.
E DOBBIAMO SAPER RICONOSCERE I SEGNI.
.
Dobbiamo tornare a PRENDERCI IL TEMPO APPROPRIATO per fare domande alle persone invece di prescrivere quintalate di farmaci, come la statina (Una e Santa) e il castroprotettore se questi SONO INUTILI.
.
Perchè le persone con un singolo problema di salute – NON VISTI, NON ASCOLTATI e a cui NON CI SI PREOCCUPA DI FARE ANAMNESI CORRETTA – rischiano di essere vittime dei “protocolli” e di avere una serie di problemi di salute.
.
O essere presi per matti, mitomani, o ansiosi quando magari descrivono sintomi che sono chiaramente effetti collaterali -misconosciuti? Dimenticati? Trascurati??? – dei farmaci.
.
A volte mi domando, caro diario, ma sono l’unico a seguire le linee guida nazionali sui gastroprotettori?
Sono l’unico che si va a leggere i lavori scientifici più recenti per capire come diagnosticare e risolvere la disbiosi?
.
Sono l’unico che si ricorda l’articolo 13 del codice deontologico ?? 🤬🤬🤬
.
Leggendo nei vari gruppi di pazienti cui sono scritto, mi rendo conto che tutti si lamentano della stessa cosa.
Che i medici non ascoltano più.
Chiusi nelle loro (burocratiche) torri di avorio
Affezionati a delle idee da cui non si schiodano.
.
Come il più grande dei credenti – o come il più profondo degli atei – credono in qualche cosa.
E piuttosto che accettare che la scienza è confronto scientifico, misurazione statistica, sperimentazione clinica eccetera … se si chiudono all’interno di un opinione è difficile farceli uscire.
.
Per mia fortuna non sono più il solo a vedere tutto questo, nè a fare queste riflessioni.
C’è un piccolo esercito di operatori sanitari – medici, farmacisti, psicologi e psicoterapeuti, infermieri, fisioterapisti, osteopati eccetera – che la pensano come me l’ho trovato.
.
A volte me li sentirai chiamare #Confratelli, ma per tutti sono gli #Avengers
.
Mentre questa pagina si appresta a raggiungere i 200.000 follower, sono felice di non essere più solo nelle mie riflessioni 🙂
.
Grazie per raccogliere i miei pensieri.
Concludo.
Ti chiudo.
Ti riaprirò domani (speriamo).
.
Perchè la mia e la tua salute – fisica, mentale, emozionale e spirituale – VALE !
.
.
Post scriptum: lascerò qui i riferimenti bibliografici (che ho già messo nel mio primo libro @Ascolta la tua pancia )
.
LINK 1 – Negli Usa 250.000 morti l’anno per errori medici. È la terza causa di morte
.
LINK 2 – La notizia sul sito ufficiale della #FIMMG
.
(documento scaricabile)
.
LINK 4 – LE INDICAZIONI ALLA TERAPIA

Dott. Gabriele Prinzi

Share

10 anni di ricerche di terapie alternative per il cuore condensate in un libro di 225 pagine

Su Amazon


Questo si chiuderà in 20 secondi